CREMA AROMATICA AI CARDI

Tempo fa ho fatto la vellutata di zucca e mi è piaciuta talmente tanto che ho deciso di farne un’altra, ancora più cremosa, cambiando gli ingredienti…così stamattina ho visto che in frigo avevo dei finocchi e dei cardi…ho assemblato tutto ed è uscita fuori una bella cremina delicata…che mi ha riempito lo stomaco senza appesantirmi…

Per le dosi sono andata ad occhio: ho pulito, lavato e
tagliato a spicchi un finocchio medio e l’ho messo in un
pentolino…

ho fatto la stessa cosa con il cardo…

siccome volevo qualcosa di molto speziato ho deciso di
aggiungere alle verdure tutti i tipi di spezie che avevo:
semi di finocchio, semi di anice, basilico, curry, zenzero…
poi ho aggiunto un bicchiere di latte e acqua a filo…
ho portato a bollore, ho salato e ho fatto cuocere coperto
per 50 minuti a fiamma bassa…

passato tale tempo ho spento la fiamma e lasciato riposare per
5 minuti…dopodichè ho frullato con il frullatore ad immersione…
…ed ho impiattato…

Ho servito questa crema con semi di sesamo tostati e un
filo d’olio…

aromatica e depurativa…dopo la chiacchiere mi ci voleva proprio….

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Minù del sito LE RICETTE DI MINU’:

banner 3.jpg

STRACCETTI DI PERSICO LIMONE E PANGRATTATO

Di solito questa ricetta la faccio con il pollo oppure con il tacchino…questa volta ho voluto cambiare e provare a farla con il pesce persico, giusto per renderlo un pò più saporito…

Prendere in pescheria un bel filetto di pesce persico e tagliarlo a
cubotti o a listarelle…

in una pentola anti-aderente mettere l’olio e uno spicchio
d’aglio schiacciato e far soffriggere…

aggiungere il pesce persico e, questo è un mio tocco personale
e facoltativo, un cucchiaio di semi di finocchio…

far abbrustolire per un pò finchè il persico non prende colore…

salare e mettere il succo di limone,per le quantità regolarsi
a proprio gusto, io metto mezzo limone ed esce molto saporito,
ma vanno bene anche un paio di cucchiai giusto per dare l’aroma… 

coprire e far sfumare, una volta che tutto il limone si sarà
consumato mettere il prezzemolo ed un cucchiaio di pangrattato,
alzare la fiamma per far attaccare il pangrattato …

impiattare e cospargere con le briciole di pangrattato rimaste
in pentola…

TARALLINI AI SEMI DI FINOCCHIO

Prima di partire per Londra ho cucinato questi tarallini, non sono niente di eccezionale, sicuramente molti di voi già conosceranno la ricetta, ma mi faceva piacere pubblicare anche la mia versione…Per quanto riguarda la cottura ho dovuto provare varie volte prima di arrivare a quella giusta (la prima volta che li ho fatti qualche anno fa mi vennero morbidi) ma alla fine ci sono riuscita…per cui se non vi escono subito non scoraggiatevi…

INGREDIENTI:
-500 GR DI FARINA
-15 GR DI SALE FINO
-130 GR DI OLIO EXTRAVEGINE DI OLIVA
-150 GR DI VINO BIANCO
-1 CUCCHIAIO DI SEMI DI FINOCCHIO 

Mettere la farina a fontana su un tagliere e aggiungere l’olio, il vino
bianco tiepido, il sale i semi di finocchio se occorre un goccio d’acqua,
formare un panetto tondo e lasciarlo riposare per 40 minuti in una ciotola
coperta…

trascorso tale tempo prendere l’impasto, dividerlo in tre
parti e formare dei cordoncini spessi quanto il dito mignolo…

formare dei taralli della forma desiderata, io  vado molto di fantasia…

mettere sul fuoco una pentola con acqua e quando bolle
gettarvi due-tre tarallini per volta…

quando salgono a galla scolarli con un mestolo forato e
metterli ad aciugare su un panno per un quarto d’ora e
sistemarli su una teglia rivestita di carta forno…

una volta che il forno è ben caldo cuocere i tarallini fino a
completa doratura…

Purtroppo dei tarallini cotti ho solo questa foto perchè
ne ho preparata mezza dose e sono spariti subito…la prossima
volta che li faccio aggiungo anche le foto dell’interno per far vedere
la croccantezza…