RISOTTO ALLE FRAGOLE

Questa ricetta sono tre anni che volevo provarla, in pratica da quando mi sono sposata, ma poi ogni anno finiva nel dimenticatoio…ma quest’anno no!!! L’ho detto e l’ho fatto…risotto alla fragole…

In una pentola preparare una base per risotto facendo appassire
un pò di cipolla (io porro) con un goccio d’olio; aggiungere il riso
e dopo qualche istante il vino bianco, una volta sfumato aggiungere
qualche fragola tagliata a dadini, conservandone qualcuna per dopo…

coprire con un paio di mestoli di brodo e coprire, portando
lentamente a cottura…

a metà cottura, dopo circa 7/8 minuti aggiungere i dadini di
fragola conservati in precedenza…

coprire e far cuocere, irrorando con il brodo, fino a cottura…
…qui è quasi pronto…

una volta cotto per renderlo più cremoso aggiungere
una noce di burro, far riposare 5 minuti a fiamma spenta e servire…

con qualche goccia di pesto alla menta…

Con una cialda al parmigiano…

Con questa ricetta partecipo alla raccolta della cara Elena del blog GNAM GNAM

                                         LA CUCINA A COLORI

                               La cucina a colori - Raccolta di ricette di cucina

MUFFINS FAVE E PECORINO

Ieri pomeriggio, per consumare del pecorino in scadenza, ho pensato di fare dei muffins salati…Alla ricetta base che avevo io ho aggiunto il pecorino e delle belle fave…surgelate (perchè fresche ancora non si trovano)….

INGREDIENTI:
-180 GR DI FARINA
-MEZZA BUSTINA DI LIEVITO PER TORTE SALATE
-180 GR DI FAVE
-50 GR DI PECORINO A DADINI
-50 GR DI GRANA GRATTUGIATO
-SCORZA GRATTUGIATA DI MEZZO LIMONE
-120 GR DI LATTE
-100 GR DI OLIO D’OLIVA (IO DI SEMI)
-PORRO
-2 UOVA MEDIE
-SALE Q.B.

Sbollentare le fave o cuocerle al vapore per qualche minuto…

eliminare la pellicina che le ricopre…

e tritarle grossolanamente su un tagliere…

in una pentola anti-aderente fare un soffritto con un goccino d’olio
e qualche rondella di porro…


aggiungere le fave, salare e far stufare per 10 minuti,
mettendo acqua calda se fosse necessario…

far raffreddare le fave…nel mentre sbattere le uova con un
pizzico di sale…

aggiungere la farina setacciata e mescolare (io uso
la frusta per evitare i grumi)…aggiungere anche il latte
poco per volta…

…poi l’olio…e la buccia
di limone…

il lievito setacciato e il pecorino a cubetti…

e le fave stufate…

mettere l’impasto a cucchiaiate in stampini da muffins (riempire
solo per due terzi) imburrati ed infarinati (io uso quelli
in silicone che non hanno bisogno di essere imburrati prima)…

in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti (o comunque
fino a doratura)…

una volta freddi liberarli dagli stampini e servire…

In realtà io li avevo preparati per cena ma poi siamo stati
invitati a casa di una coppia di amici…quindi li gusteremo
oggi a pranzo…che dite vi piacciono?

Con questa ricetta partecipo alla raccolta: http://pandipanna.blogspot.com/2009/10/muffins-mania.html

E al contest di Marta, Martina e Margherita del sito MMM:

birthday-cupcake.jpg

VELLUTATA DI ZUCCA

Con il freddo che sta facendo in questi giorni non c’è niente di meglio delle vellutate di verdura che riscaldano il cuore e lo stomaco…

vellutata di zucca.jpg
INGREDIENTI PER DUE PERSONE:
  • 200 GR DI PATATE
  • 200 GR DI ZUCCA
  • UN PICCOLO PORRO O UNO SCALOGNO MEDIO
  • DUE CUCCHIAI DI OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA
  • UN RAMETTO DI ROSMARINO
  • SALE Q.B

PROCEDIMENTO:

Mettere in una pentola dai bordi alti stessa quantità le patate e la zucca tagliati a dadini…

aggiungere il porro a rondelle…

l’olio, un rametto di rosmarino e acqua fino a coprire a filo le verdure…

Quando bolle salare, coprire con un coperchio e far cuocere a fiamma
bassa per 40 minuti…

frullare con il minipimer…

io l’ho servito in queste coppette…

un goccio d’olio a crudo…

e per chi gradisce un amaretto sbriciolato…

 

Con questa ricetta partecipo alla raccolta: http://timoemaggiorana.blogspot.com/2010/01/minestre-zuppe-vellutate-tutto-cio-che.html

CIME DI RAPE STUFATE

Stamattina al mercato della frutta e della verdura ho trovato le rape e ho ho deciso di farle stufate…In Puglia ogni famiglia ha la sua versione personale per questa ricetta…questa è quella che uso io…

Pulire le rape scartando le foglie esterne più grosse e
tenere le cime e qualche fogliolina più piccola…lavarle per
almeno tre o quattro volte…

metterle ancora grondanti d’acqua in una pentola, aggiungere
mezzo bicchiere d’acqua e mettervi sopra un coperchio (oppure un piatto)
di diametro inferiore rispetto alla pentola…

far cuocere a fiamma media per 15/20 minuti…trascorso tale
tempo prendere la pentola e premendo sul coperchio scolare
tutta l’acqua che avranno rilasciato le rape (questa procedura
serve per fargli perdere l’amaro)…si presenteranno così…

a questo punto condire le rape con due spicchietti d’aglio
schiacciati…

due/tre foglioline d’alloro fresco…

qualche rondella di porro (o cipolla)…

due pomodorini ciliegini tagliati in quattro (io ho messo un
unico pomodoro grosso tagliato in spicchi)…

due cucchiai d’olio extravergine d’oliva e mezzo bicchiere di
vino bianco, naturalmente salare e mescolare…rimettere
nuovamente il coperchio e porre sul fuoco a fiamma bassissima
finchè non si sarà consumato tutto il vino…a me è servita un’ora
e mezza…alla fine assumeranno questo aspetto…

qui nella terrina di terracotta…

con una fettina di pane alle fibre…

Co questa ricetta partecipo alla raccolta: http://pensieriedolcezze.blogspot.com/2010/01/raccolta-in-forma-con-gusto.html

                                                     Raccolta "In forma con gusto"

SALSICCE CON SALSA AI PORRI

Guardando nei cassettoni del mio freezer ho trovato delle salsicce salentine aromatizzate al limone, regalo di un collega di lavoro di mio marito, così presa dall’ispirazione ho realizzato questa ricettina…

In una pentola anti-aderente mettere un goccino d’olio ed una buona quantità di porri
tagliati a rondelle, più ne mettete più saranno saporite le salsicce…

mettere anche le salsicce precedentemente bucate con una forchetta…

farle abbrustolire per bene e mettere mezzo bicchiere di
vino bianco…

far sciogliere in una ciotolina un bicchiere di latte con un cucchiaio
di maizena…

una volta che il vino sarà evaporato versare il latte e far cuocere
con coperchio a fiamma media per 20 minuti, controllando che
le salsicce non attacchino…trascorsi 20 minuti togliere le
salsicce e tenerle in caldo, e nel frattempo fare addensare la
salsina al latte e porri, volendo si può anche frullare…

servire…

TAGLIATELLE AI FUNGHI CON SALSICCIA RADICCHIO E NOCI

Martedì mio marito ha lavorato tutto il giorno, per cui ho pranzato da sola…associando vari ingredienti è uscito fuori un primo coi fiocchi…

Prendere una manciata di funghi secchi e tritarli…

per una persona impastare 100 gr di farina con un uovo
da 60 gr (pesato con il guscio), un cucchiaino di
olio extravergine d’oliva e i funghi secchi tritati…far riposare
l’impasto ottenuto, avvolto in un canovaccio, per un’ora in un luogo
fresco e asciutto…

dopo un’ora stendere l’impasto superficialmente con il mattarello
e passarlo alla macchinetta per la pasta (detta anche nonna papera)
fino ad ottenere lo spessore desiderato…

fare le tagliatelle…

lasciarle riposare per mezz’ora su un piano infarinato…

Intanto preparare il condimento:

In una pentola anti-aderente mettere un cucchiaio d’olio extravergine,
uno spicchio d’aglio schiacciato e qualche rondella di porro…

far soffriggere e aggiungere tre o quattro pezzi di salsiccia
fresca spellata…

schiacciare con una forchetta in modo da ridurla in pezzettini..

una volta che la salsiccia si è colorita da tutti i lati, mettere
anche il radicchio tagliato a listarelle…

sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco, quando il vino si sarà
consumato salare poco, aggiungere qualche gheriglio di noce, un
mestolo di acqua calda e coprire…dopo venti minuti il condimento sarà pronto…

cuocere le tagliatelle in acqua bollente salata per quattro
minuti e mescolarle al condimento…

impiattare…

INVOLTINI FUNGHI, PANCETTA ED EMMENTAL

Mercoledì ho fatto questi deliziosi involtini…ed oggi ho deciso di pubblicarli.

Ci occorreranno 4 fettine per involtini (fatevele preparare dal vostro macellaio),
pancetta a dadini, emmental a dadini, funghi secchi…

mettere preventivamente i funghi a bagno in acqua tiepida
(regolatevi voi, devono starci per un’oretta)…prendere le fettine
e farcirle con qualche cubetto di emmmental…

…qualche dadino di pancetta…

e uno/due funghetti secchi strizzati…

iniziare ad arrotolare cercando di non far fuoriuscire gli ingredienti…

e fermare con un paio di stuzzicadenti…

in una pentola anti-aderente mettere aglio, olio…

e porro o cipolla…

far soffriggere per due/tre minuti e aggiungere
gli involtini…

farli rosolare per benino da tutti i lati…e salarli leggermente…

girarli aiutandosi con due cucchiai di legno…

…quando sono ben rosolati sfumarli con un bicchiere di
vino bianco…

far consumare tutto il vino e aggiungere un paio di mestoli
di brodo vegetale o acqua calda, e la pancetta rimasta…

coprire e far cuocere per altri dieci minuti, giusto per far
ritirare un pò il sughetto…e questo è il risultato finale…

l’interno…

spero vi piaccia…

BROCCOLI AL VINO

In questo trambuso che accompagna la vigilia di Natale finalmente trovo un pò di tempo per pubblicare un contorno tipicamente natalizio.

Nella solita pentola anti-aderente mettere un pò d’olio extravergine d’oliva…

…e un pò di porro (in realtà la ricetta prevedeva la cipolla
ma io preferisco il porro perchè è meno agre)…

far soffriggere brevemente e aggiungere il broccolo (per
due persone io ne ho messo circa 500 gr) e due cucchiai
di olive nere denocciolate…

far andare a fiamma alta per 7/8 minuti e salare…quando
saranno diventati così…

…sfumare con un bel mezzo bicchiere di vino bianco…

far consumare tutto il vino…e servire…

da gustare ancora caldi e fumanti…


Colgo questa occasione per  augurare a tutti un Buon Natale che porti 
un pò di serenità soprattuto a quelle persone meno fortunate che oggi e
domani non possono festeggiare con i propri cari

PENNETTE POMODORINI, PINOLI E BASILICO

Domenica a pranzo io e mio marito eravamo da soli, così ho preparato questo primo sfiozioso ma soprattutto veloceeeee……

Prendere una decina di pomodori ciliegini…

e tagliarli in quarti…

…prendere una pentola anti-aderente e versare un goccio d’olio…

…i pomodorini…

qualche rondella di porro…

uno spicchio d’aglio intero (che poi andrà tolto)…

un cucchiaio di pinoli e qualche fogliolina di basilico…

mettere sul fuoco a fiamma media per una decina di minuti,
salando a metà cottura…

impiattare…

a piacere si può servire con qualche scaglietta di grana o
parmigiano…

RISOTTO AL FINOCCHIO AROMATIZZATO AL BRANDY E ROSMARINO SU CIALDA DI GRANA

Ciao oggi volevo prendere per la gola mio marito così ho preparato questo risotto molto raffinato, ideale anche per il pranzo di Natale

Iniziamo dalla cialda…è molto semplice:

Prendere una pentola anti-aderente
e foderarla di carta forno…

riempirla con qualche cucchiaio di grana o parmigiano grattugiato…

mettere la pentola sul fuoco a fiamma media e quando comincia a fare le bollicine
riempire gli spazi vuoti con altro formaggio grattugiato…

una volta dorato (ci vorranno pochi minuti)
togliere dal fuoco con tutta la carta forno e mettere
su un piatto basso e largo capovolto…mettere a
solidificare in frigo…

intanto che la cialda si solidifica prendere il finocchio…

e tagliarlo prima in due…

e poi a dadini…

in un wok fare un soffritto con uno spicchio d’aglio tagliato a lamelle,
qualche rondella di porro e naturalmente l’olio, un cucchiaio a commensale…

lavare e asciugare il finocchio…

e unirlo al soffritto di aglio e porro, facendo cuocere una
decina di minuti, e aggiungendo acqua calda se dovesse
asgiugarsi troppo,finchè diventa trasparente…

dopo dieci minuti aggiungere un bicchierino di brandy…

inclinare leggermente il wok e far fare la fiamma…

quando la fiamma si sarà spenta e il brandy sarà evaporato 
aggiungere il riso (io ne metto 75 gr. a testa)…

versare acqua calda fino a coprire a filo il riso (io
per portare a cottura non uso quasi mai il brodo) e farla 
ritrare un pò (basteranno dieci minuti a fiamma media)… 

di tanto in tanto mescolare con un cucchiaio di legno…

passati dieci minuti aggiungere altra acqua calda e salare
far cuocere per 7-8 minuti con il coperchio…

a fine cottura aggiungere poco meno di metà cucchiaino
di rosmarino tritato (meglio se fresco), lasciare un paio di minuti 
nel wok per fare amalgamare i sapori…Intanto tirare fuori dal frigo 
la cialda di grana e metterla in un piatto…Servire il risotto…

Vi assicuro che mangiato insieme alla cialda di grana
è davvero libidinoso…spero vi piaccia

Con questa ricetta partecipo alla raccolta:
http://panealpanevinoalvinoblog.blogspot.com/2009/10/nuova-raccoltail-finocchio.html