RISOTTO INTEGRALE CON MELE E PINOLI

Questo è il primo piatto che ho preparato di ritorno da Roma. E’ un risotto d’autunno, delicato e raffinato; le mele che ho utilizzato sono delle mele verdissime, ma penso che se ne possano utilizzare anche altre tipologie. Per quanto riguarda il riso ho usato un riso integrale, infatti ultimamente mi sto avvicinando ai cereali e alla pasta integrale e li sto trovando buonissimi e molto sazianti!!! Al sapore dolciastro del risotto ho abbinato una manciata di pinoli tostati, che in danno sapore e scricchiolano in bocca. Ci sono due metodi per preparare questo risotto: il primo consiste nel cubettare le mele e metterle nel soffritto di riso e cipolla fin dall’inizio, il secondo, che è quello da me utilizzato, consiste nel grattugiare le mele ed aggiungerle gli ultimi due minuti!!! Ma passiamo alla ricetta:

IMGP5577.JPG

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

  • 160 GR DI RISO INTEGRALE
  • MEZZA CIPOLLA
  • DUE CUCCHIAI DI OLIO EXTRAVERGINA D’OLIVA
  • 1 MELA VERDE GRANDE
  • MEZZO BICCHIERE DI SPUMANTE SECCO O IN ALTERNATIVA VINO BIANCO
  • DUE CUCCHIAI DI PINOLI TOSTATI
  • UN CUCCHIAIO DI PARMIGIANO GRATTUGIATO
  • UN CUCCHIAIO DI PANNA FRESCA
  • 3/4 DI LITRO DI BRODO VEGETALE

PREPARAZIONE:

Tostare i pinoli e metterli da parte. In una pentola fare un soffritto con olio e cipolla…

IMGP5566.JPG

dopo pochi minuti aggiungere il riso..

IMGP5567.JPG

appena diventa trasparente aggiungere anche lo spumante (o il vino bianco)…

IMGP5568.JPG

alzare la fiamma, far sfumare e aggiungere anche un bel mestolo di brodo vegetale…

IMGP5571.JPG

portare a cottura aggiungendo il brodo poco per volta, ci vorranno all’incirca 18 minuti…Un paio di minuti prima della fine della cottura, grattugiare la mela  sbucciata ed aggiungerla al risotto, mantecare con un cucchiaio di panna e i pinoli tostati…Far riposare un paio di minuti coperto e servire “all’onda”, con qualche altro pinolo tostato…

IMGP5575.JPG
IMGP5581.JPG
IMGP5584.JPG
IMGP5578.JPG

Colgo l’occasione per ringraziare la dolce Maria61m del sito DOLCI TENTAZIONI per avermi donato questo bellissimo premio:

happy101.jpg

Lo giro volentieri a tutti voi che mi volete bene e mi seguite con tanto affetto!!!

POMODORI AL PARMIGIANO


Quest’anno il mio orticello ha “sfornato” parecchi pomodorini!!! ciò mi ha reso felice, ma adesso ho un cruccio…come far fuori tutti quei pomodori??? dopo averli assaggiati sul pane tostato, aver fatto deliziosi sughetti era arrivato il momento di fare i pomodori al parmigiano!!! Ancora una volta per questa ricetta ho dovuto usare il forno…mi sono dovuta sacrificare!! ma il risultato finale è stato abbastanza soddisfacente!!! Per questa ricetta avete due alternative o svuotare dei semini l’interno dei pomodori oppure sceglierne un tipo poco succoso, infatti in cottura rilasciano molta acqua!!! Io li ho fatti molto semplici, solo parmigiano e scamorza affumicata, ma si possono arricchire con altri ingredienti quali il prosciutto cotto o anche la mozzarella, oppure si può pensare di condirli alla pizzaiola…Si possono mangiare come piatto unico mescolandoli con un piattino di pasta, oppure mangiarli a mò di contorno o antipastino…le alternative sono tante!!!

IMGP4596.JPG
INGREDIENTI PER UNA TEGLIA PICCOLA:
  • 250 GR DI POMODORINI CILIEGINI O DATTERINI
  • 20 GR DI PARMIGIANO
  • 50 GR DI SCAMORZA AFFUMICATA
  • BASILICO Q.B.
  • SALE
  • PEPE
  • OLIO

PROCEDIMENTO:

Tagliare in due i pomodori e metterli nella teglia da forno, con la parte tagliata rivolta verso l’alto (se si decide di svuotarli dai semini salarli e metterli al contrario per fargli perdere l’acquetta di vegetazione, dopo procedere come sopra)…
IMGP4576.JPG
condirli con sale, pepe, basilico a pezzetti e abbondante parmigiano…
IMGP4582.JPG
aggiungere anche due fettine sottili di scamorza affumicata, o altro formaggio a piacere…
IMGP4583.JPG
continuare a formare altri strati (a me ne sono venuti fuori tre) fino ad arrivare alla fine della teglia….
IMGP4586.JPG
condire l’ultimo strato con abbondante parmigiano e un filo d’olio…
IMGP4587.JPG
coprire con carta alluminio e mettere in forno caldo a 200° per 30 minuti, dopo togliere l’alluminio schiacciare i pomodori con un cucchiaio e far cuocere per altri 20 minuti, senza alluminio, per far gratinare…
IMGP4588.JPG
a metà cottura…
IMGP4593.JPG
IMGP4595.JPG
pronti!!! io non li faccio gratinare molto…anche se la prima volta che li ho assaggiati, in un ristorante, tra gli antipastini, erano un pò bruciacchiati…quindi la cottura è relativa!!!
IMGP4597.JPG
IMGP4601.JPG
IMGP4607.JPG

Volendo si possono mangiare anche freddi, ma per la presenza della scamorza consiglio di assaggiarli tiepidi!!!!

BIETOLE GRATINATE

A me piacciono quasi tutti i tipi di verdura, ne mangio tantissima fino ad un chilo e mezzo al giorno; la mangio in tutti i modi scondita, fritta, soffritta, sottoforma di tortini ecc…tuttavia un tipo di verdura che proprio non riesco a mandare giù sono le bietole, non tanto le foglie quanto i gambi…ma da qualche tempo ho trovato un giusto compromesso…

Pulire le bietole separando i gambi dalle foglie…

lavare i gambi e lessarli per un quarto d’ora in acqua bollente
salata…

mentre i gambi si raffreddano, in una ciotola mettere qualche cucchiaio
di pangrattato…

un pò di prezzemolo tritato grossolanamente…

ed uno spicchio d’aglio schiacciato e tagliato in due (servirà
solo per dare un pò di aroma)…

in una teglia da forno (la mia è un pò vecchiotta) mettere
un filo d’olio extravergine ed un velo pangrattato…

cominciare a fare gli strati…prima le bietole…

poi pangrattato al prezzemolo…

ed abbondante parmigiano…

un pizzico di sale…continuare con gli strati fino a riempire
tutta la teglia…sull’ultimo strato mettere anche un filo d’olio
che favorisce la gratinatura…aggiungere anche un paio di tazzine
da caffè di brodo o acqua calda…

porre in forno caldo a 175° fino al livello di doratura desiderato…
io le faccio dorare molto perchè mi piacciono croccantine…

qui ne avevo spazzolato già metà teglia…

buone anche fredde…

primo piano della croccantezza…

Volendo tra i vari strati si possono mettere salumi e formaggi
vari e creare una “parmigiana di bietole” oppure si può fare in
rosso a voi la scelta…

CARBONARA BIANCA

L’altro giorno mi lamentavo con mio marito del fatto che queste feste ci regalano ogni anno quei tre/quattro chiletti di troppo…Così lui mi ha proposto di provare questa carbonara un pò più leggera… 

Mettere l’acqua per la pasta, e quando bolle buttarci gli spaghetti,
i miei erano integrali, nel frattempo, in un pentolino far rosolare la pancetta
tagliata a dadini, senza alcun condimento… 

rosolata…

prendere un uovo a persona e dividere i tuorli dagli albumi…

mescolare gli albumi con il parmigiano grattugiato fino
ad ottenere un composto più o meno denso…

intanto la pasta sarà pronta…scolarla e mescolarla con la pancetta…

e la cremina ottenuta con gli albumi…far rapprendere un pò l’uovo…

impiattare…

Sicuramente non è la classica carbonara ma è una buona alternativa…

Con questa ricetta partecipo al concorso:  http://tzatzikiacolazione.blogspot.com/2009/11/post-la-past.html

PURE’ AL CAVOLFIORE

Ciao oggi voglio proporvi un purè un pò insolito…al cavolfiore. Vi assicuro che dal sapore non si sente affatto il cavolfiore, perciò è un piatto adattissimo sia ai grandi che ai piccini…

Dividere un cavolfiore in cimette, pesarlo…stessa quantità di patate…

cuocere al vapore (oppure lessare) sia le patate che il cavolfiore…

nel frattempo grattugiare il parmigiano (o grana)….due cucchiai a persona…

prendere un pentolino dai bordi alti…

prendere un passaverdure, adagiarlo sul pentolino…

e passare cavolfiore e patate…

aggiungere una noce di burro, il parmigiano e portare sul fuoco,
mescolando fino a formare il purè…

impiattare e pappare…

sono davvero molto soddisfatta…il sapore non ha nulla a che vedere
con il cavolfiore…è molto particolare e si sposa alla perfezione con la carne
mi raccomando provatelo e fatemi sapere se vi è piaciuto…alla prossima ricetta