PURE’ DI FAVE SECCHE

Oggi vi presento una ricetta che fa parte della tradizione povera pugliese. Egregio sostituto di un primo, il purè di fave è un piatto abbastanza calorico ma è preparato in maniera sana, senza soffritto. Solo a fine cottura, infatti, si aggiunge un filo d’olio a crudo. Le fave fanno parte della famiglia delle leguminose e quindi sono ricche di fibre, vitamine e proteine. Le fave secche, al contrario di quelle fresche, vengono consumate previo ammollo per almeno 10 ore in acqua fredda e successivamente cotte. La tradizione tipica pugliese vuole che vengano cotte in una pentola di terracotta, ridotte in purea e accompagnate con verdura lessa, molto spesso cicoria, oppure con peperoni fritti o ancora con crostini di pane fritti…Questa è la mia personalissima versione, frutto della mia esperienza in tre anni di matrimonio…:-)

purè-di-fave-secche5.jpg

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

  • 200 GR DI FAVE SECCHE
  • UNA PATATA PICCOLA
  • MEZZA CIPOLLA
  • SALE Q.B.
  • OLIO Q.B.
  • 200 GR DI VERDURA A PIACERE

PROCEDIMENTO:

La sera prima della preparazione, ammollare le fave in acqua fredda. La mattina seguente scartate quelle che sono venute a galla e sciacquare il resto; metterle in una pentola di terracotta…

fave.jpg

aggiungere la cipolla tagliata a fettine sottili…

cipolla.jpg

la patata tagliata a pezzetti…

patate.jpg

acqua quanto basta a coprire a filo le fave…

acqua.jpg

Far bollire, abbassare la fiamma al minimo e coprire con un coperchio. Far cuocere per un’ora e salare…

metà cottura.jpg

rimettere il coperchio e far cuocere per un’altra ora, sempre a fiamma bassissima…A questo punto togliere dal fuoco, passare il tutto al minipimer e riportare sul fuoco, alzare la fiamma e far addensare, girando spesso, finchè il composto non assume la consistenza di un purè (circa 30 minuti)…Servire con verdura lessa, nel mio caso bietola, e un filo d’olio buono a crudo!!!

purè-di-fave-secche1.jpg
purè-di-fave-secche2.jpg
purè-di-fave-secche3.jpg
purè-di-fave-secche4.jpg
purè-di-fave-secche6.jpg
purè-di-fave-secche7.jpg

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Elga del sito SEMI DI PAPAVERO e da Lagostina:
LogoLagostina09.gif

 

 

48 pensieri su “PURE’ DI FAVE SECCHE

  1. sai che il purè di fave non l’ho mai mangiato? che è poi una cosa simile al macco di fave siciliano, immagino.

    bella ricetta e poi mi piace la foto con il turbante di bietola!

  2. Per LaGaiaCeliaca: Buonasera, si avvicina molto al macco, sono entrambi molto sani e nutrienti!!! io non ho mai assaggiato il macco, ma so che è fantastico!!!! grazie della visita, un bacio e buon week end :)

  3. Per Stefania O alias fantasie: Ciao, conosco il macco ma solo per sentito dire e mi hanno detto che è fantastico e che si aromatizza con il finocchietto, anche quella è una ricettina regionale da provare!!!! bacioni :)

  4. Ciao Luciana, buona domenica, mi è rimasto 1/2 pacco di fave secche, le altre le ho usate per una zuppa cpol cavolo nero (in arrivo).
    Una bella alernativa al solito purè, grazie e..grazie di passare spesso a trovarmi, un bacino :-)

  5. Bg Luciana…quando abitavo ancora con mamma era la cosa che amavo e desideravo di più, lei li faceva a macco e poi io li facevo diventare a crema…un attimo di ricordi…Buona domenica e baci.

  6. Mmmmmh..che piattino delizioso Cara!!!!
    Leggero e buonissimo,complimenti..foto sempre splendide!!!
    Un bacione e buona domenica Lucy a presto..:-***

  7. Ciao Luciana,come stai?Era da un po’ che non passavo a trovarti e devo dire che le tue ricette sono sempre una bella sorpresa.Io ho avuto molto da fare con il piccolo e solo ora riesco a trovare il tempo per ritornare un pochino ai fornelli e ad altro.
    Questa versione di purè alle fave mi attira parecchio!Complimenti,come sempre!!Ah…a proposito,CHE BELLI CHE SIETE TU E TUO MARITO-solo ora vedo le foto che hai pubblicato.

    Baci,alla prossima.

  8. io adoro il purè di fave!! ci faccio pure la pasta! sei stata bravissima!! unm abbraccio lucyy!!

    Roby

  9. Mi piace molto il purè di fave secche. Per la prima volta l’ho mangiato, pensa, alla scuola di cucina! Me ne innamorai. La tua ricetta la proverò senza dubbio. Ti abbraccio cara Luciana. Bacioni. Deborah

  10. Mia cara, ma io e te siamo in sintonia. Mi sono preparata questo piatto che adoro proprio questa settimana. Il mio è leggermente diverso e proverò presto anche la tua versione. Un bacione e a presto

  11. Bellissima ricetta cra Luciana ma qui a casa..niente da fà , se no ti dispiace me la segno e la passa alla mia mamma mio padre adora queste passate con i legumi ^_^ grazie anticipatamente!
    un bacione Buon Lunedì
    Anna

  12. Ma che coincidenza è stato il mio pranzo di oggi!!! Bravissima! Grazie cara per il tuo costante pensiero, la situazione purtroppo non varia ed io cerci di “distrami” studiando, pasticciando ogni tanto e cercando di rendermi utile come posso anche se a volte mi sento “bloccata”, un bacione

  13. Non l’ho mai amangiata ne tantomeno preparata, ma a vedersi fa venire l’acquolina in bocca!
    Davvero bellissima, e le foto sono dolcissime.
    Mi ero eprsa il post precedente della pasta con il cavolfiore!Di quella ne prenderei un bel po di piatti, adoro il cavolfiore!!!
    Brava Luciana

  14. Squisito! L’avevo mangiato in una masseria in Puglia con le verdure e il pecorino. Questa ricetta è uguale!

  15. Grazie delle ricetta , havevo mangiato questa puré quando sono andatta nelle puglie , havevo compratto le fave secche , adesso mi posso mettere a farle …scusa gli errori ma sono francese , parlo l’Italiano ma lo scrivo male … ciao

  16. provate a mischiare le fave con cipolle crude tagliate a fettine e lasciate macerare nell’aceto di vino per mezz’ora
    E’ una tradizione salentina
    Inoltre la cicoria selvatica , o anche comune, sostituisce la bietola in modo molto intrigante essendo un po’ amarognola
    Massimo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>